07 giu 2013

VITERBO: SITUAZIONE CINIPIDE DRAMMATICA

Angelo Bini, Vice Presidente CoopCast, Cooperativa Agricola Produttori Castagne di Vallerano, Canepina, Monti Cimini ci ha inviato questo terribile comunicato.
E'infatti incredibile, ma la CoopCast non ha fatto lanci di Torymus Sinensis quest'anno.
Perchè ?
Leggiamo

È inutile immettere il Torymus Sinensis in un ambiente ove nessuno riesce a fermare l’irrorazione dei fitofarmaci. In sede regionale è stato ribadito questo concetto ormai tanto chiaro quanto disatteso. Non esiste ad oggi un Entomologo che avalli l’uso dei fitofarmaci locali come fanno invece alcuni agronomi del viterbese evidentemente avallati dal loro Ordine professionale che non si pronuncia e si rende complice di tanto crimine oltre che a porsi fuori della Scienza e dell’attendibilità. 



Si ipotizza ma non si avalla un possibile periodo finestra nel mese di Agosto per un trattamento al massimo. Il che contraddice e condanna i trattamenti chimici che iniziano già dal mese di maggio. I Monti Cimini dovrebbero trasferirsi armi e bagagli nel Mugello ove, ad esempio, il Comune di Palazzolo sul Senio ha organizzato i produttori con il risultato di quindicimila Torymus lanciati in quei loro castagneti perfettamente incontaminati in virtù di una cultura amministrativa e collettiva che non transige sulla violenza chimica contro la natura così tipica e nota, invece, nelle nostre contrade. 
Siamo famosi nel mondo castanicolo nazionale ed internazionale per la nostra enorme forza di fuoco chimica e siamo ormai un esempio di scuola in ogni convegno e in ogni aula universitaria. Speriamo che la Giunta Zingaretti, preceduta da tanta positiva fama, agisca in modo deciso per una radicale e netta inversione di tendenza: dopo Marrazzo e la Polverini non vorremmo si registrasse un altro flop a conferma della cattiva stella della Regione Lazio. 

La CoopCast sta concordando con il Prof. Alberto Alma una visita ai laboratori dell’Università di Torino ove furono “creati” i primi Torymus Sinensis ed a quei castagneti che “curati” col solo antagonista naturale sono “guariti” dopo sette anni di cura naturale. Facciamo appello a tutti gli Enti Pubblici, Comuni, Comunità Montane o Unioni di Comuni, Provincia, Regione, Università e alle organizzazioni di categoria, e chiunque voglia, affinché questa visita venga fortemente promossa, organizzata e sovvenzionata nella consapevolezza che i molti San Tommaso che albergano tra noi abbiano diritto, anche loro, a poter visionare di persona la realtà dei castagneti piemontesi. Attendiamo fiduciosi perché abbiamo un estremo bisogna di passare dai fitofarmaci alla rinaturalizzazione dei nostri castagneti. 

 Angelo Bini Vice Presidente CoopCast **********************************************************************
Angelo Bini Vice Presidente CoopCast Cooperativa Agricola Produttori Castagne di Vallerano, Canepina, Monti Cimini a r.l. Via G. Ianni 4 01030 Vallerano (VT)
E-Mail altacollina@live.it