31 mag 2012

IL PIU ANTICO CASTAGNO CONOSCIUTO: Il Castagno dei Cento Cavalli


Il castagno dei cento cavalli è il castagno più antico che sia stato censito: si ritiene abbia circa 2500 anni.
Questo albero maestoso si trova nella zona di Sant'Alfio, sulle pendici dell'Etna, in Sicilia: è di tale importanza da apparire sul blasone comunale.




Il nome prende spunto da una leggenda popolare: si narra che una Regina, con al seguito cento cavalieri e dame fu sorpresa da un temporale, durante una battuta di caccia, nelle vicinanze dell'albero e proprio sotto i rami trovò riparo con tutto il numeroso seguito. Il temporale continuò fino a sera, così la regina passò sotto le fronde del castagno la notte in compagnia, si dice, di uno o più amanti fra i cavalieri al suo seguito.

Ecco un video documentario su questa meraviglia della natura.
Anche questo albero fa parte del progetto "I patriarchi vegetali: un patrimonio da salvare" dell'Accademia dei Georgofili di Firenze.


Informazioni su wikipedia.org

30 mag 2012

A SUNDAY MORNING... IN MARRADI (FIRENZE)


Sunday Morning by Wallace Stevens
I

Complacencies of the peignoir, and late
Coffee and oranges in a sunny chair,
And the green freedom of a cockatoo
Upon a rug mingle to dissipate
The holy hush of ancient sacrifice.
She dreams a little, and she feels the dark
Encroachment of that old catastrophe,
As a calm darkness among water-lights.
The pungent oranges and bright, green wings
Seem things in some procession of the dead,
Winding across wide water, without sound.
The day is like wide water, without sound,
Stilled for the passing of her dreaming feet
Over the seas, to silent Palestine,
Dominion of the blood and sepulchre.

II
Why should she give her bounty to the dead?
What is divinity if it can come
Only in silent shadows and in dreams?
Shall she not find in comforts of the sun,
In pungent fruit and bright, green wings, or else
In any balm or beauty of the earth,
Things to be cherished like the thought of heaven?
Divinity must live within herself:
Passions of rain, or moods in falling snow;
Grievings in loneliness, or unsubdued
Elations when the forest blooms; gusty
Emotions on wet roads on autumn nights;
All pleasures and all pains, remembering
The bough of summer and the winter branch.
These are the measures destined for her soul.

III
Jove in the clouds had his inhuman birth.
No mother suckled him, no sweet land gave
Large-mannered motions to his mythy mind.
He moved among us, as a muttering king,
Magnificent, would move among his hinds,
Until our blood, commingling, virginal,
With heaven, brought such requital to desire
The very hinds discerned it, in a star.
Shall our blood fail? Or shall it come to be
The blood of paradise? And shall the earth
Seem all of paradise that we shall know?
The sky will be much friendlier then than now,
A part of labor and a part of pain,
And next in glory to enduring love,
Not this dividing and indifferent blue.

IV
She says, ``I am content when wakened birds,
Before they fly, test the reality
Of misty fields, by their sweet questionings;
But when the birds are gone, and their warm fields
Return no more, where, then, is paradise?''
There is not any haunt of prophecy,
Nor any old chimera of the grave,
Neither the golden underground, nor isle
Melodious, where spirits gat them home,
Nor visionary south, nor cloudy palm
Remote on heaven's hill, that has endured
As April's green endures; or will endure
Like her remembrance of awakened birds,
Or her desire for June and evenings, tipped
By the consummation of the swallow's wings.

V
She says, ``But in contentment I still feel
The need of some imperishable bliss.''
Death is the mother of beauty; hence from her,
Alone, shall come fulfilment to our dreams
And our desires. Although she strews the leaves
Of sure obliteration on our paths,
The path sick sorrow took, the many paths
Where triumph rang its brassy phrase, or love
Whispered a little out of tenderness,
She makes the willow shiver in the sun
For maidens who were wont to sit and gaze
Upon the grass, relinquished to their feet.
She causes boys to pile new plums and pears
On disregarded plate. The maidens taste
And stray impassioned in the littering leaves.


VI
Is there no change of death in paradise?
Does ripe fruit never fall? Or do the boughs
Hang always heavy in that perfect sky,
Unchanging, yet so like our perishing earth,
With rivers like our own that seek for seas
They never find, the same receding shores
That never touch with inarticulate pang?
Why set the pear upon those river-banks
Or spice the shores with odors of the plum?
Alas, that they should wear our colors there,
The silken weavings of our afternoons,
And pick the strings of our insipid lutes!
Death is the mother of beauty, mystical,
Within whose burning bosom we devise
Our earthly mothers waiting, sleeplessly.
VII

Supple and turbulent, a ring of men
Shall chant in orgy on a summer morn
Their boisterous devotion to the sun,
Not as a god, but as a god might be,
Naked among them, like a savage source.
Their chant shall be a chant of paradise,
Out of their blood, returning to the sky;
And in their chant shall enter, voice by voice,
The windy lake wherein their lord delights,
The trees, like serafin, and echoing hills,
That choir among themselves long afterward.
They shall know well the heavenly fellowship
Of men that perish and of summer morn.
And whence they came and whither they shall go
The dew upon their feet shall manifest.
VIII

She hears, upon that water without sound,
A voice that cries, ``The tomb in Palestine
Is not the porch of spirits lingering.
It is the grave of Jesus, where he lay.''
We live in an old chaos of the sun,
Or an old dependency of day and night,
Or island solitude, unsponsored, free,
Of that wide water, inescapable.
Deer walk upon our mountains, and quail
Whistle about us their spontaneous cries;
Sweet berries ripen in the wilderness;
And, in the isolation of the sky,
At evening, casual flocks of pigeons make
Ambiguous undulations as they sink,
Downward to darkness, on extended win


18 mag 2012

LA FESTA DEL PANE A MARRADI: CI SARA' ANCHE QUELLO DI CASTAGNE


LA FESTA DEL PANE DI MARRADI E' STATA SPOSTATA A 
DOMENICA 27 MAGGIO
a causa di un "allerta meteo" della Protezione Civile


Una volta con la farina di castagne si faceva il pane. Un pane povero ma estremamente nutriente per i montanari che affrontavano pesanti giornate di lavoro.



Così è nata l'idea dall'Associazione Turistica Pro loco di Marradi (FI) di organizzare la "Festa del Pane".

La centrale Piazza Scalelle ospita il "Podere in Piazza", allestimento della vita rurale della nostra realtà.
In via Talenti e Via Fabbroni ci saranno dei punti di degustazione del pane di Marradi a cui si potranno aggiungere marmellate, cioccolata, salumi e olio toscano,  nonchè i tradizionali prodotti a base del marrone di Marradi.



Nel pomeriggio si potranno vedere i mugnai marradesi all'opera nella loro affascinante arte; per i bambini sarà organizzata una "scuola del pane", così che potranno loro stessi provare ad impastare.

La "Corte Torriani", presso l'omonimo palazzo, ospiterà un punto di ristoro presso cui sarà possibile assaggiare prodotti tipici derivanti dalla trasformazione del pane. Sarà ricostruita in piazza la tradizionale trebbiatura del grano, mentre ci si potrà cimentare nella mungitura dei pazienti mucche ed assistere alla tosatura delle pecore.



La "Strada del marrone del Mugello di Marradi" avrà un suo stand con le delicatezze tipiche di questo paese di montagna.








Per informazioni 'Ufficio Pro loco di Marradi tel. 055/8045170 - fax. 055/8042728

17 mag 2012

CINIPEDE IN TOSCANA AL 16 MAGGIO

Cinipede del castagno: galle sezionate prelevate da un marrone nella valle del Lamone (Marradi - Firenze) a 290 mt slm il 16 maggio.




foto cliccabili


04 mag 2012

ANNA FRANK ED IL CASTAGNO

"Il nostro castagno è in piena fioritura dai rami più bassi alla cima, è carico di foglie e molto più bello dell’anno scorso.”
Così scrive nel suo diario Anna, nel maggio del 1944. Una ragazzina che per più di due anni è rimasta nascosta in un piccolo alloggio segreto, trascorrendo le giornate in silenzio e senza muoversi, senza poter mai uscire.
Non riesco neppure ad immaginare quanto, una persona di quell'età, debba aver desiderato essere libera. Come sappiamo, finirà anche lei nel mattatoio di Berghen.

Anna aveva come panorama dell'unica finestra proprio il castagno.



Purtroppo la pianta si è ammalata di cancro corticale: sono stai fatti numerosissimi tentativi per preservarla, fino ad un paio di anni fa quando è crollata sotto violente raffiche di vento che avevano colpito Amsterdam.
L' albero è morto.
Ma il simbolo della lotta all'oppressione, alla bestialità che sale al potere e permea una intera società, quello sopravvive.

 "Quasi ogni mattina vado nella soffitta per soffiare via dai miei polmoni quest’aria stantia. Dal mio posto preferito guardo su verso il cielo blu e l’albero di castagno spoglio, sui cui rami brillano piccole gocce di pioggia, che sembrano d’argento...".